18 ottobre 2019
IL PAGANINI GENOVA FESTIVAL dal 21 al 27 ottobre
HOMMAGE A PAGANINI: ARRIVANO I VINCITORI DEL PREMIO

Con Hommage a Paganini, la terza edizione del Festival intitolato al grande violinista genovese entra nella sua fase finale che coinvolgerà alcuni dei maggiori concertisti del nostro tempo.

Lunedì 21 ottobre (Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi, ore 17) spazio alla grande liuteria con la conversazione di Giovanni Accornero (affiancato da Luigi Attademo) su “Le chitarre di Paganini e il suono della scrittura chitarristica”. In serata (ore 20,30, Carlo Felice) nell’ambito della stagione della Giovine Orchestra Genovese si esibirà Ning Feng (premio Paganini 2006) accompagnato al pianoforte da Dario Bonuccelli.

Martedì 22 ottobre, dopo la conversazione/concerto di Vittorio Marchese dedicata alla tecnica di Paganini (Sala Camino di Palazzo Ducale, ore 17) la sera, appuntamento da non perdere al Carlo Felice (ore 20,30) con la violinista Bin Huang impegnata nella esecuzione integrale dei Capricci di Paganini. La straordinaria artista cinese festeggia quest’anno i venticinque anni dalla sua vittoria al Premio Paganini: fu la prima donna orientale ad aggiudicarsi l’ambito riconoscimento. Legata a Genova da un profondo rapporto, Bin Huang, nel suo ruolo di capodipartimento degli archi del Conservatorio di Pechino sta organizzando, in collaborazione con gli Amici di Paganini, una manifestazione paganiniana nella capitale cinese per i primi giorni del prossimo mese di dicembre. E nei giorni scorsi è stata insignita dal Comune di Genova del titolo di ambasciatrice culturale della nostra città.

Mercoledì 23 ottobre (Sala Barabino al Teatro della Gioventù, ore 18) il giornalista Paolo Lingua racconterà la “Cucina genovese ai tempi di Paganini”.

Giovedì 24 ottobre doppio appuntamento al Teatro della Gioventù: il pomeriggio (Sala Barabino, ore 17) il liutaio Alberto Giordano parlerà della “Liuteria genovese della collezione del Conservatorio Paganini”. La sera (Sala Govi, ore 20,30) Giovanni Angeleri (Premio Paganini 1997) e il pianista Franco Angeleri proporranno pagine della scuola violinistica italiana, da Paganini a Bazzini, da Vivaldi a Sivori.

Doppio appuntamento anche venerdì 25 ottobre: alle ore 17.30 (Sala Govi, Teatro della Gioventù) il giornalista Renato Tortarolo affronterà il tema de “I cantautori e la musica colta”, in collaborazione con A Compagna. E alle ore 20 (Teatro Carlo Felice) nell’ambito della stagione sinfonica, Mengla Huang (Premio Paganini 2002) nel doppio ruolo di solista e di direttore proporrà le stagioni di Vivaldi e quelle di Piazzolla.

Sabato 26 ottobre, Mariateresa Dellaborra coordinerà una giornata di studi patrocinata dalla Società Italiana di Musicologia. L’appuntamento è alla Biblioteca Berio (Sala Lignea) dalle 9,30 alle 18. Dopo un omaggio a Roberto Grisley, interverranno la stessa Dellaborra, Danilo Prefumo, Andreas Lange, Flavio Menardi Noguera e Italo Vescovo. La sera (Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, ore 20,30) a cura di Fondazione Hruby e dell’Associazione Culturale “Musica con le ali”, il Quartetto Werther eseguirà pagine di Schumann e di Faurè.

Per domenica 27, infine, giorno del compleanno di Paganini, sono previste diverse iniziative nell’arco della giornata fino al concerto conclusivo al Carlo Felice che avrà per gran protagonista il Cannone affidato alla violinista Francesca Dego con l’Orchestra del teatro diretta da Alpesh Chauhan.

7 ottobre 2019
IL PAGANINI GENOVA FESTIVAL: la settimana dall’8 al 13 ottobre
Conferenze e concerti fra prepaganiniani e atmosfere diaboliche

Proseguono gli eventi all’interno del “Paganini Genova Festival” tra conferenze, concerti ed eventi.

Martedì 8 ottobre (ore 18) presso la Sala delle Letture Scientifiche di Palazzo Ducale, Michele Trenti (chitarra) con Roberto Mazzola (violino) nell’ambito della sezione “Paganini per tutti”, terrà una conferenza con esempi musicali dal vivo, dedicata alla scoperta di un altro degli aspetti interessanti dell’inesauribile personalità di Paganini: i sentimenti, le passioni e gli affetti.

Mercoledì 9 ottobre (ore 17) appuntamento al Teatro della Gioventù (Sala Barabino) con “Paganini Young” per parlare del rapporto tra la figura di Paganini e il cinema, a cura di Andrea Borneto. E la sera, ore 20.30 a Palazzo Tursi nel Salone di Rappresentanza si ascolteranno Francesco Bagnasco (violino) e Fabio De Lorenzo (chitarra) impegnati ina Paganini, Ysaye, Boi, Brower, Castelnuovo Tedesco sino a giungere al tango di Piazzola, in un perfetto connubio tra i due strumenti.

Giovedì 10 ottobre (ore 17) al Teatro della Gioventù in Sala Barabino proseguono le conferenze attorno al musicista protagonista: a partire dall’analisi dei suoi manoscritti autografi, Maria Teresa Morasso racconta i tratti peculiari della figura di Nicolò Paganini alternando la proiezione di immagini, a letture e a brevi ascolti musicali. La sera (ore 21), il profano diventa sacro presso la Chiesa di san Donato: immersi tra i violinisti prepaganiniani genovesi di adozione o di nascita, grazie all’ensemble I musicali affetti (Fabio Missaggia, violino, Stefano Bagliano, flauto, Carlo Zanardi, violoncello, Alberto Busettini, clavicembalo), il pubblico potrà intraprendere un incredibile viaggio partendo da Guerrieri per arrivare a Bitti passando per Rossi e Stradella. Il concerto è in collaborazione con il Festival “Le vie del Barocco”.

Un’intensa giornata quella di sabato 12 ottobre. A partire dalle ore 10.30, presso Banca Carige in piazza Cassa di Risparmio, spazio a un affascinante strumento: il mandolino. Con brani di Paganini, J.S. Bach e Calace, Carlo Aonzo, uno dei più famosi mandolinisti a livello internazionale ci accompagna alla scoperta dei risultati musicali che questo elegante strumento (il primo su cui Paganini iniziò a studiare alternandolo alla chitarra) può offrire. Chi ha detto che la musica “classica” non è per tutti? dalle ore 15.30 alle 23.30 il festival si sposta nel Quartiere della Maddalena nell’ambito della “notte bianca dei bambini” con “Mamma mia che capricci”, performance violinistica e gioco/musica a cura di Teresa Valenza, violino e Elisa Moretto per l’animazione e avvicinamento al violino. E per concludere in bellezza la giornata, alle ore 20.30 a Palazzo della Meridiana, Fabrizio Giudice (chitarra) e Gianluca Nicolini (flauto), per i 30 anni di attività concertistica del loro Duo Novecento, esprimono l’alto valore dei due strumenti e della loro evoluzione partendo dall’Ottocento per arrivare alla musica contemporanea originale. Alcuni brani di Mozart e Paganini, e a seguire una serie di brani contemporanei, di Valente, Trenti, Basevi, Tagliamacco fino al celebre “Histoire du Tango” di Astor Piazzolla, il re argentino del tango di origini liguri, nella versione originale con flauto e chitarra. Il concerto è dedicato a Maria Boggiano Pico Viziano, scomparsa pochi mesi fa.

Chiude la settimana domenica 13 ottobre (ore 20.30) in Sala Govi, al Teatro della Gioventù, ancora per la sezione Young, il concerto Musica diabolica con brani di Schubert, Beethoven, Mendelssohn, Wagner, Tartini, Liszt, Castelnuovo Tedesco e Saint-Saëns proposti da Lorenza Cevasco (voce), Clarissa Carafa, Natasha Pyataeva, Federico Manca, Simone Sammicheli (pianoforte). Il regista e attore Marco Sciaccaluga leggerà i testi dei Lieder proposti.

7 ottobre 2019
I CIV di Genova per Paganini
Genova la città di Paganini

a cura dell’Assessorato al Commercio, Artigianato,
Tutela e sviluppo vallate e grandi eventi
del Comune di Genova
con la collaborazione
di Confcommercio Genova, Confesercenti e Centri Integrati di Via

Clicca qui per consultare la pagina dedicata sul sito VisitGenoa.it

30 settembre 2019
Dal 3 al 27 ottobre
TORNA IL PAGANINI GENOVA FESTIVAL
Le dichiarazioni di Ilaria Cavo e di Barbara Grosso

Prende il via giovedì 3 ottobre la III edizione del “Paganini Genova Festival”: concerti, conferenze e incontri, giornata di studio, visite guidate e tanto altro, il tutto realizzato grazie agli accordi tra Regione Liguria, Comune di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice, Fondazione Hruby, Conservatorio “Niccolò Paganini” e Associazione “Amici di Paganini”, l’aiuto di numerosi sponsor e il fondamentale il sostegno della Compagnia di San Paolo (Maggior sostenitore) nell’ambito dell’edizione 2019 del bando “Performing Arts”.

Il cartellone si articola in due sezioni differenti: la prima, dedicata a “Genova la città di Paganini”, dal 3 al 18 ottobre, la seconda, “Hommage a Paganini” dal 21 al 27 ottobre.

“Anche quest’anno il Festival ha saputo sviluppare un programma molto ricco – afferma l’assessore alla Cultura di Regione Liguria Ilaria Cavo – con importanti novità, coerenti con gli obiettivi posti anche dalla nostra amministrazione. Il nostro sostegno a questa iniziativa di grande prestigio, che rinnoviamo convintamente, è infatti perfettamente in linea con la scelta, fatta fin dal nostro insediamento, di favorire quelle attività culturali che sappiano fare rete, come in questo caso, e costituiscano anche un volano turistico ed economico. In questo senso, non possiamo che apprezzare il programma di spettacoli e concerti che non solo coinvolgono i luoghi culturali più importanti di Genova, dal Carlo Felice a Palazzo Ducale e molti altri, ma per la prima volta saranno anche realizzati nelle altre province, nello spezzino a Carro (già effettuato in estate), a Savona e nel Tigullio, a Chiavari”.

“Terza edizione, quest’anno, per il Paganini Genova Festival, un programma ricco di eventi, conferenze e incontri, una giornata di studio, visite guidate nei luoghi paganiniani, cene a tema e persino un gioco per le scuole, il tutto legato alla figura del grande violinista – commenta l’assessore comunale alle Politiche culturali Barbara Grosso – Un’iniziativa di grande respiro, in grado di stimolare il dibattito culturale e di attrarre un pubblico che ne apprezzi la bellezza e la ricchezza artistica. La rassegna, di alto livello qualitativo, è infatti fruibile da un pubblico eterogeneo, per cultura e per età anagrafica. Inoltre, per la prima volta il Festival è uscito da Genova: è già stato realizzato uno spettacolo a Carro in collaborazione con il Festival Paganini della città spezzina. Per il 18 ottobre sono in programma due incontri a Savona, mentre il 2 novembre l’appuntamento sarà a Chiavari”

Ma ecco nel dettaglio, le iniziative della prima settimana:

  • Giovedì 3 ottobre il via ufficiale della manifestazione con l’inaugurazione nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, articolato in una visita guidata alla Mostra paganiniana permanente nel Palazzo in collaborazione con GenovaMusei. E dopo i saluti delle autorità, si parte con la prima conferenza, Paganini e il suo tempo, un inquadramento del protagonista dell’omonimo festival, della sua opera e della sua vita a cura di Roberto Iovino e Nicole Olivieri.
  • Imperdibili domenica 6 ottobre dalle 16.30 a mezzanotte, le armonie, le vibrazioni e soprattutto le musiche che invaderanno il Salone del Minor Consiglio di Palazzo Ducale con l’incredibile Maratona paganiniana! 44 giovani musicisti eseguiranno brani di compositori classici e contemporanei su temi paganiniani spaziando dal classico al Jazz fino ad arrivare al Rock e all’elettronica con la collaborazione del Festival Electropark! Un evento aperto a tutti.

17 settembre 2019
Un ottobre all’insegna del grande Violinista

Diciassette concerti, quattordici conferenze e incontri, una giornata di studio, visite guidate nei luoghi paganiniani, cene a tema, persino un gioco per le scuole dedicato all’illustre violinista. Questi i numeri del “Paganini Genova Festival” giunto alla sua terza edizione e che si svolgerà a Genova dal 4 al 27 ottobre prossimo con un prologo e un epilogo in Regione.

La manifestazione nasce da un accordo fra Regione Liguria, Comune di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice, Fondazione Hruby, Conservatorio “Niccolò Paganini” e Associazione “Amici di Paganini” (quest’ultima incaricata ad agire come “braccio” operativo).

Il Festival è stato realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo (Maggior sostenitore) nell’ambito dell’edizione 2019 del bando “Performing Arts”. Con il Paganini Genova Festival, l’Associazione Amici di Paganini è entrata a far parte di PERFORMING +, un progetto per il triennio 2018-2020 lanciato dalla Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione Piemonte dal Vivo con la collaborazione dell’Osservatorio Culturale del Piemonte, che ha l’obiettivo di rafforzare le competenze della comunità di soggetti non profit operanti nello spettacolo dal vivo in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

Obbiettivo del Festival divulgare la conoscenza della personalità artistica e umana di Paganini affrontato da varie angolazioni e a vari livelli di approfondimenti.

La III edizione propone non a caso diversi filoni, utili al pubblico per orientarsi nell’ampio programma. Alcuni incontri, ad esempio sono raggruppati sotto il titolo “Paganini per tutti”: una serie di appuntamenti finalizzati a spiegare l’artista sul piano biografico, tecnico-violinistico, o nel rapporto con il suo tempo. “Paganini young” mette insieme invece alcuni appuntamenti pensati e realizzati da un gruppo di soci giovani, diplomati e diplomandi, che da quest’anno collaboreranno con l’Associazione: nella Maratona Paganini (6 ottobre) si ascolteranno musiche paganiniane, ma non solo e saranno coinvolti artisti classici accanto a jazzisti e a artisti del festival “Electropark”.

Vale la pena, a questo proposito sottolineare la partecipazione di varie associazioni e istituzioni che hanno consentito di creare una vera e propria rete nel nome di Paganini: dalla Giovine Orchestra Genovese alle “Vie del Barocco”, dall’Associazione “Amici del Carlo Felice e del Conservatorio” al “Soroptimist”, senza dimenticare il Festival Paganini di Parma e il Festival Paganini di Carro.

Gli aspetti più rigorosamente scientifici saranno tratti invece nella “Giornata di studi” (26 ottobre) che vuole essere un prologo alla rinascita del Centro di Studi Internazionali su Paganini sulla quale si sta lavorando.

Il cartellone, come nelle passate edizioni, è articolato in due sezioni. La prima “Genova città di Paganini” occupa la prima parte di ottobre (dal 4 al 18), mentre la seconda “Hommage a Paganini” si svolge dal 21 al 27 ottobre.

In quest’ultima settimana arriveranno ben quattro vincitori del Premio Paganini: Ning Feng (2006), ospite al Carlo Felice della stagione della Giovine Orchestra Genovese, Bin Huang (1994), Giovanni Angeleri (1997), Mengla Huang (2002), ospite della stagione sinfonica del Carlo Felice. Il 27, serata clou nel giorno della nascita di Paganini, sarà Francesca Dego a suonare il Cannone al Carlo Felice, accompagnata dall’Orchestra del Teatro.

Per la prima volta, poi, quest’anno il Festival uscirà da Genova: sono infatti previsti tre concerti in Regione, a Carro (3 agosto), a Savona (18 ottobre) e a Chiavari (2 novembre). Il Festival costituirà poi l’occasione per i turisti ma anche per i genovesi di visitare i luoghi paganiniani della città: sono infatti previste visite guidate in alcune giornate di ottobre.